Stai cercando un viaggio di arrampicata quest'estate?

Eline Le Menestrel: 'Potevo morire, ma avrei anche potuto godermi una bella giornata scalando "il Pesce"'.

Una conversazione che esplora lo spazio tra ottimismo e paura

75


Faustine Wheeler

Eline Le Menestrel

Comunità

21 luglio 2021


Una conversazione che esplora lo spazio tra ottimismo e paura.



Potresti aver sentito parlare di Eline Le Menestrel quando ha scalato 'The Nose' con Nina Caprez nel 2018. O forse hai sentito parlare di lei dopo la sua ripetizione di 'Chouca' a Boux nel 2020 - o per aver fatto parte del team che ha fatto la prima salita di 'La Voie du Coeur' in Giordania. O magari hai appena letto la sua storia nella Climbing Travel Guide!

La scorsa settimana, ho avuto l'incredibile opportunità di chiacchierare con Eline sulla sua carriera nell'arrampicata fino ad ora, le sue opinioni sulla sostenibilità e come ha affrontato la paura dopo il suo incidente. Se non sei già seriamente impressionato dai suoi successi, lo sarai dalla sua capacità di riflettere così apertamente e onestamente su questi argomenti così complessi... 


Eline le Menestrel arrampicata nelle Dolomiti

Eline Le Menestrel che scala la Comici-Dimai 550m (6b+) sulla Cima Grande © Matteo Moncellin


Ciao Eline! Grazie mille per aver trovato il tempo di parlare con noi. Cominciamo a parlare del tuo viaggio nell'arrampicata. Quando hai iniziato a scalare e cosa ti ha spinto a diventare un'arrampicatrice professionista?

In realtà non ricordo quando ho iniziato ad arrampicare! Sono nata a Fontainebleau, e appena ho cominciato a camminare ho anche iniziato a giocare sui massi... Crescendo, l'arrampicata era una cosa di famiglia: la maggior parte delle mie vacanze scolastiche le passavo a fare viaggi di arrampicata in diverse parti del mondo.

Ricordo di aver iniziato a voler migliorare la mia arrampicata intorno all'età di 12 o 13 anni. A questo punto, è diventato qualcosa in cui volevo veramente allenarmi per diventare brava. Allo stesso tempo, il mio amore per questo sport continuava a crescere.

All'età di 16 anni, ero ben integrata nel mondo dell'arrampicata. Andavo ad arrampicare con i miei amici e il mio primo ragazzo era anche lui un arrampicatore. È a questo punto della mia vita che ho incontrato Melissa Le Nevé, Nina Caprez e Alizée Dufraisse, donne che vivevano solo per arrampicare e riuscivano a mantenersi facendo questo sport. È diventato un obiettivo anche per me. A quel tempo, però, volevo anche diventare una musicista professionista!


Sembra che l'arrampicata sia sempre stata centrale della tua vita. Qual è stato il tuo momento più memorabile finora?

A 20 anni ho lasciato la scuola di musica perché ho capito che essere un musicista professionista non mi lasciava abbastanza tempo per l'arrampicata. Ho fatto un viaggio di tre mesi negli Stati Uniti. La nostra prima tappa è stata The Fins in Idaho, dove ho salito il mio primo 8b+. Dopo di che, ci siamo diretti alla Red River Gorge, che tutti mi avevano detto che avrei amato. In realtà ho finito per sentirmi davvero male lì: mi sentivo molto sotto pressione, e cadevo dal 7a+ dopo 2 mesi di campeggio libero e uno stile di vita rude. Così ho deciso di andare a Yosemite.

Ho finito per attraversare l'intero paese da sola - è stata una vera avventura che è durata 4 o 5 giorni e ha comportato un bel po' di audacia. Una volta a Yosemite, ho iniziato con un po' di boulder perché non avevo attrezzatura, ma ho incontrato la mia cara amica Nina che stava provando 'The Nose'. Abbiamo finito per scalarlo insieme all'improvviso. È stata la mia prima esperienza di arrampicata su una bigwall e mi ha lasciato senza fiato - sicuramente uno dei miei momenti preferiti finora.


Eline le Menestrel incidente

Eline suona la chitarra sul retro del suo van © Matteo Moncellin


Sembra una vera avventura! Parliamo un po' del tuo ultimo viaggio nelle Dolomiti con Salewa. Perché hai scelto di arrampicare nelle Dolomiti?

Due cose hanno motivato questa decisione. La prima era che non conoscevo le Dolomiti ed ero entusiasta di esplorarle. La seconda è stata l'apprendere che mio nonno aveva salito la 'Hasse-Brandler' e la 'Comici-Simai' sulle Tre Cime di Lavaredo 60 anni fa. L'obiettivo del viaggio è diventato salire queste vie con mio padre, un modo per raccontare la storia della mia famiglia e pensare a mio nonno che è morto 12 anni fa.

Sfortunatamente, ho dovuto cambiare i piani all'ultimo minuto. Mio padre non poteva viaggiare da Singapore a causa dei blocchi di COVID, così sono andata con la mia amica Ann. Ho deciso di salvare 'Hasse-Brandler' per un momento in cui avrei potuto scalare con mio padre e ho dovuto cercare un altro progetto, quando mi sono imbattuto ne 'Il Pesce' sulla Marmolada. Una notte, quando mi sentivo molto eccitato e fiducioso, ho deciso di provarci e ... Sono quasi morta. (Eline ha subito gravi ferite dopo un incidente su questa salita, tra cui una brutta commozione cerebrale, un piede in frantumi e un polso rotto).


"In realtà, la linea tra il raggiungimento del tuo obiettivo e un incidente può essere molto sottile, soprattutto in un posto come le Dolomiti. Una piccola cosa può fare la differenza tra una bella giornata in paradiso o avere un grave incidente".


Da quello che hai detto, sembra che le Dolomiti abbiano avuto un grande significato per te e la tua famiglia. Se posso chiedere, il tuo incidente ha cambiato il tuo modo di vedere questo posto? Ora la tua percezione è più negative?

Non direi che i miei ricordi di viaggio sono negativi, piuttosto spaventosi. Quando mi guardo indietro, ho abbastanza paura per come ho agito in effetti non ero veramente consapevole del rischio fino a quando ho avuto l'incidente. 

Penso che il modo in cui percepiamo il rischio nell'arrampicata sia molto complesso. Se stai facendo qualcosa che comporta molti rischi e le cose vanno bene, tutti celebrano il tuo risultato. Ma appena le cose vanno male, la gente inizia a vederti come impavida o sconsiderata perché hai corso troppi rischi. In realtà, la linea tra il raggiungimento del tuo obiettivo e un incidente può essere molto sottile, soprattutto in un posto come le Dolomiti. Una piccola cosa può fare la differenza tra una bella giornata in paradiso o avere un grave incidente.

Grazie per essere stato così aperta su questo punto. 


Eline le Menestrel che suona il flauto nelle Dolomiti

Eline suona il flauto su una cengia di sosta su Comici-Dimai 550m (6b+), Cima Grande © Matteo Moncellin


Recentemente hai fatto alcuni post su instagram parlando delle tue paure riguardo al tuo infortunio e al tuo ritorno all'arrampicata. Sono rimasta molto colpita dalla tua capacità di parlare così onestamente di questi argomenti difficili. Cosa ti ha spinto ad essere così aperta sulle tue paure?

Dopo che mi sono infortunata, il primo desiderio che ho avuto è stato quello di tornare più forte. Davvero, è arrivato molto presto e ricordo che la gente era scioccata, specialmente mio padre. Non riusciva a capire come potessi pensare di diventare una climber migliore quando non eravamo nemmeno sicuri che sarei stata in grado di camminare di nuovo. Avevo anche un polso rotto e una commozione cerebrale, il che significava che dovevo stare a letto per un mese senza leggere, guardare schermi o parlare al telefono per più di 5 minuti. È stato vuoto e allo stesso tempo molto intenso.

Dato che non potevo allenarmi, ho deciso di lavorare sulla mia psiche con uno psicologo dello sport. All'inizio volevo solo allenare la mia mente per l'arrampicata, ma l'attenzione si è presto spostata sulla gestione del mio infortunio. Il mio psicologo mi ha insegnato questo esercizio in cui si pianifica un incontro con la propria mente: si programma del tempo per sedersi con i propri pensieri, le proprie paure e riconoscere tutte le domande difficili che sorgono. È un modo per compartimentare e controllare le tue paure, in modo da non avere sempre questi pensieri. Ho iniziato a fare questo e mi ha aiutato molto. È qualcosa che spero di usare nella mia arrampicata in futuro per aiutarmi con il sogno di tornare più forte.


Eline Le Menestrel arrampicata sportiva

Eline che scala Comici-Dimai 550m (6b+), Cima Grande © Matteo Moncellin


Pensi che il modo in cui affronti queste paure sia simile a come hai affrontato le paure legate all'arrampicata in passato, come la paura del fallimento? O è un'esperienza completamente diversa?

È molto diverso perché per me ora la posta in gioco è enorme. Se hai paura che un tuo osso stia per morire, non riesci più a capire come hai potuto essere così infelice per la mancata realizzazione di un progetto in passato. Ma poi decidi di essere più gentile con te stesso e ricordi che, in quel momento, chiudere o avere successo era davvero importante per te. Conoscendomi, penso che se riuscirò a scalare di nuovo, dovrò affrontare di nuovo la paura del fallimento. Sarebbe ingenuo pensare che non avrò mai più queste paure perché "sarò così saggia grazie a questo infortunio". Ma spero che imparare a superare queste paure più significative mi aiuterà ad affrontare meglio le paure più "morbide" di fallire o di non chiudere.


Questo è davvero interessante. Anch'io sto attraversando qualcosa di molto simile, e ho molti dubbi sul fatto che sarò mai in grado di arrampicare di nuovo ad un livello simile (anche senza preoccupazione). Quando ho iniziato ad avere questi dubbi, ho scoperto che non potevo davvero tollerare di sentire le persone lamentarsi di non essere in grado di chiudere il loro progetto. Sembrava così insignificante! Non è la mentalità giusta quando si lavora come istruttore di arrampicata... Ho dovuto lavorare molto sull'accettazione dei miei limiti attuali e ora posso di nuovo entrare in empatia con queste paure. Ma sì, in breve, capisco perfettamente il tuo percorso.


Eline Le Menestrel nel suo camper

Eline fa colazione nel van guardando le montagne © Matteo Moncellin


Mi è stato detto che la sostenibilità ti appassiona e volevo parlarne con te perché è una parte fondamentale della missione di Mapo Tapo. C'è qualcosa in particolare che ti ha spinto a ridurre il tuo impatto ambientale?

La mia motivazione viene dalla mia ammirazione per la natura e per quello che ci dà, e la mia intuizione che c'è un modo per superare questa crisi ecologica che stiamo affrontando. Forse sono ingenua, ma sono cresciuta credendo che tutto sia possibile e lo faccio ancora per la maggior parte del tempo. Essere vicina alla natura ha sempre avuto un ruolo importante nella mia vita, e voglio fare la mia parte per ringraziarla e preservarla. Tuttavia, provo anche molta ansia per la crisi climatica e il collasso ecologico, ma non direi che la mia passione per la sostenibilità deriva da questo. Quando sono ansiosa, mi sento piccola e impotente, quindi in realtà la mia motivazione viene dal lato positivo.


Che cosa fai per ridurre al minimo il tuo impatto ambientale?

La prima cosa da notare è che penso sempre alla sostenibilità, ogni volta che devo prendere una decisione nella mia vita. Questo non significa che non uso mai la mia auto, o che non compro mai un paio di scarpe da ginnastica alla moda. Tuttavia, cerco di essere molto onesta con me stessa cerco di mettere tutto sul tavolo e farmi un sacco di domande: Ho davvero bisogno di questo? La società deve funzionare in questo modo? Il denaro deve davvero avere tutta questa importanza? Possiamo vivere senza crescita? Cosa significa la prosperità? Possiamo avere prosperità senza crescita? Come potremmo e dovremmo fare come società le come individui?

Cerco anche di parlare molto di sostenibilità e di condividere i miei pensieri con la gente. Pensate a quello che è successo all'inizio della pandemia di COVID: tutti parlavano sempre di COVID nei notiziari, sui social media, ed è diventato un enorme problema che ha consumato tutta la nostra attenzione. Di conseguenza, la gente ha capito che era legittimo prendere misure drastiche per contenere la pandemia. Immaginate se parlassimo così tanto della crisi climatica! Se i media e i governi fossero preoccupati per il cambiamento climatico come lo erano per COVID, allora faremmo molto di più.

In termini di azioni concrete che faccio per ridurre il mio impatto ambientale, seguo gli impegni di ACTS (Action Solidaire de Transition pour nos Sommets). Sono passato a una banca sostenibile e incoraggio i miei sponsor verso soluzioni sostenibili. Al momento non faccio viaggi di arrampicata a causa del mio infortunio, ma non posso più immaginare di pianificare un viaggio senza pensare alla mia impronta di carbonio. Per esempio, ora la Corsica è molto più attraente per me perché è vicina a Marsiglia e si può andare in barca. Questa è una novità per me. Non posso credere di essere stata quattro volte in Sudafrica, ma mai in Corsica...


Eline Le menestrel si avvicina a una via nelle Dolomiti

Eline e Ann si avvicinano alle Tre Cime di Lavaredo © Matteo Moncellin


Pensi che la pandemia abbia cambiato il modo in cui gli scalatori professionisti pensano al viaggio?

Non posso parlare per gli altri, ma ha cambiato il mio punto di vista di sicuro! A causa della pandemia, ad un certo punto ho dovuto rimanere nello stesso posto per 6 settimane prima di partire per un'altra zona a sole 4 ore di macchina. Durante quel viaggio, ho notato che ero diventata molto più consapevole e apprezzavo ogni piccolo cambiamento nel paesaggio. Ho imparato che in realtà mi piace stare nello stesso posto per molto tempo: mi piace vedere gli alberi e le montagne cambiare con la stagione, avere il tempo di incontrare la gente del posto e passare davvero del tempo con la comunità, piuttosto che andare sempre di corsa.


Questo è davvero bello da sentire. La mia ultima domanda è difficile: come immagini il futuro dei viaggi sostenibili?

Penso che sempre più persone inizieranno a vedere l'approccio ad una salita come parte dell'avventura e della performance. Alcuni atleti lo stanno già facendo, come Lena Marie Muller che ha aperto una via trad di 8b+ vicino a Innsbruck raggiungendo la falesia solo in treno e in bicicletta. Se un giorno volessi tornare in Sudafrica, il mio sogno sarebbe quello di prendere una barca a vela, costruire una struttura di allenamento sulla barca e allenarmi per un mese mentre navighiamo lì. Dopo il viaggio, tornerei in barca a vela, ma userei questa opportunità per prendermi un mese di meritato riposo. (Mandatemi un'e-mail se avete una barca a vela e vi piace il progetto!) 

Essenzialmente, dobbiamo solo pensare ai nostri viaggi in un modo diverso. Dovremmo immaginare che lo spettacolo e l'avventura iniziano non appena si chiude la porta di casa e non solo quando si raggiunge la falesia.


Eline Le Menestrel in campeggio nelle Dolomiti

Eline suona la sua chitarra fuori dalla tenda al tramonto © Matteo Moncellin


* * * 


Un enorme ringraziamento a Eline per il suo tempo e le sue affascinanti intuizioni su alcune delle questioni più urgenti che la comunità di arrampicata deve affrontare oggi.

Questo articolo è stato gentilmente sponsorizzato da Salewa, che ha collaborato con noi per la Climbing Travel Guide. Acquista ora la tua copia dal Negozio di viaggi di arrampicata


Didascalia della foto di copertina: Eline Le Menestrel mentre scala Comici-Dimai 550m (6b+) sulla Cima Grande © Matteo Moncellin